La Commissione europea concede l'autorizzazione all'immissione in commercio per DARZALEX®▼(daratumumab) formulazione sottocutanea per tutte le indicazioni di formulazione endovenosa di Daratumumab attualmente approvate

BEERSE, Belgio–()–Le società farmaceutiche Janssen di Johnson & Johnson hanno annunciato in data odierna che la Commissione europea (CE) ha concesso l’autorizzazione all’immissione in commercio per DARZALEX® (daratumumab) formulazione sottocutanea (SC) per il trattamento di pazienti adulti con mieloma multiplo (MM). Daratumumab SC viene somministrato come dose fissa, il che riduce significativamente il tempo di trattamento, da ore a circa 3-5 minuti, rispetto alla formulazione endovenosa (IV) di daratumumab.1 Inoltre, solo la prima dose di daratumumab SC deve essere somministrata in un ambiente in cui sono disponibili strutture di rianimazione. L’approvazione si applica a tutte le attuali indicazioni di daratumumab in prima linea e setting recidivante / refrattario, e i pazienti attualmente in trattamento con daratumumab IV possono passare alla formulazione SC se lo desiderano.

I dati a supporto dell’approvazione mostrano che daratumumab SC ha dimostrato un tasso di risposta globale (ORR) coerente e un profilo di sicurezza simile rispetto a daratumumab IV in pazienti con MM recidivante o refrattario.1 Inoltre, vi è stata una riduzione di quasi i due terzi delle reazioni sistemiche correlate all’infusione (IRR) per daratumumab SC rispetto a daratumumab IV (13% vs. 35%, rispettivamente).1 La nuova formulazione SC di daratumumab è co-formulata con ialuronidasi umana ricombinante PH20 (rHuPH20) [La tecnologia di rilascio del farmaco di Halozyme ENHANZE®].

“Il mieloma multiplo è un tumore del sangue incurabile che è spesso associato a regimi di trattamento molto intensi in termini di tempo, fattore che può essere oneroso per pazienti e medici. L’approvazione odierna segna importanti progressi per la comunità oncologica in quanto significa che il daratumumab può ora essere somministrato in un tempo significativamente inferiore, riducendo in tal modo il tempo di permanenza in ambiente clinico dei pazienti”, ha affermato Maria-Victoria Mateos, MD, Ph.D., COLUMBA ricercatore primario e direttore dell’unità mieloma presso l’ospedale universitario di Salamanca-IBSAL, Salamanca, Spagna. “Dato l’attuale clima sanitario, si tratta di notizie tempestive e positive, in particolare per i pazienti immunocompromessi”.

“Questa nuova formulazione è stata specificamente progettata come il prossimo passo per migliorare l’esperienza terapeutica con daratumumab, senza compromettere la sicurezza o l’efficacia”, ha affermato Patrick Laroche, MD, Responsabile dell’area di terapia ematologica, Europa, Medio Oriente e Africa (EMEA), Janssen-Cilag. “Dal suo primo lancio, daratumumab è stato utilizzato da oltre 130.000 pazienti in tutto il mondo e Janssen è lieta di ampliare la propria offerta rendendo disponibile la formulazione sottocutanea per tutte le indicazioni precedentemente approvate.”

L’approvazione è supportata dai dati dello studio di Fase 2 PLEIADES (MMY2040) e dallo studio di Fase 3 COLUMBA (MMY3012).

Nello studio PLEIADES, che ha valutato l’efficacia e la sicurezza di daratumumab SC nelle terapie combinate, sono state dimostrate risposte obiettive in combinazione con bortezomib, melfalan e prednisone (D-VMP) in pazienti di nuova diagnosi non idonei al trapianto.2 Inoltre, sono state dimostrate risposte obiettive in combinazione con lenalidomide e desametasone (D-Rd) in pazienti recidivi o refrattari che avevano ricevuto una precedente linea di terapia.2

Nello studio COLUMBA, al follow up mediano di 7,5 mesi, il tasso di risposta complessivo (Overall Response Rate, ORR) è stato del 41% per la formulazione somministrata per via sottocutanea (SC) di daratumumab, rispetto al 37% per daratumumab per via endovenosa (95% di intervallo di confidenza [IC], 1,11 (0,89-1,37); P<0,0001).3 Il tasso ORR è stato simile per tutti i sottogruppi clinicamente rilevanti, incluso il peso corporeo.1 Il rapporto della media geometrica Ctrough per daratumumab per via SC rispetto a daratumumab per via IV è stato del 108% (90% IC, 96% -122%).1 Il tasso di sopravvivenza libera da progressione è stato simile fra la formulazione per la somministrazione sottocutanea di daratumumab e l’attuale formulazione IV di daratumumab (rapporto di rischio (HR, Hazard Ratio) = 0,99; 95% IC, 0,78-1,26; P<0,9258).1 La durata mediana per ogni iniezione SC è stata di 5 minuti, rispetto a più di 3 ore con le infusioni IV.1

Gli eventi avversi (TEAE, Treatment Emergent Adverse Events) più comuni emergenti dal trattamento (>5%) di grado 3/4 sono stati trombocitopenia (14% rispetto a 14%), anemia (13% rispetto a 14%) e neutropenia (13% rispetto a 8%).3 Un tasso più basso di reazioni relative all’infusione è stato osservato nel braccio che ha ricevuto la formulazione per la somministrazione SC di daratumumab rispetto a daratumumab per via IV (13% rispetto a 35%, rispettivamente) (Odds Ratio = 0,28; 95% IC (0,18-0,44); P<0,0001).3 Le reazioni principali per l’interruzione del trattamento hanno incluso la patologia progressiva (43% nel braccio SC rispetto al 44% nel braccio IV) e gli eventi avversi (7% nel braccio SC rispetto a 8% nel braccio IV).1

“L’approvazione di oggi evidenzia l’impegno di Janssen a comprendere meglio le esigenze in evoluzione delle persone affette da mieloma multiplo e allo sviluppo di nuove innovazioni, combinazioni e formulazioni per soddisfare al meglio tali esigenze “, aggiunge Craig Tendler, MD, Vicepresidente, Sviluppo clinico e affari medici globali, Oncologia presso Janssen Research & Development, LLC.

Al di fuori dell’Europa, Janssen ha recentemente ricevuto l’approvazione dalla Food and Drug Administration statunitense per la formulazione SC di DARZALEX – nota localmente come DARZALEXFASPRO™ (daratumumab e ialuronidasi-fihj) – per il trattamento di pazienti affetti da MM.4

#FINE#

In Europa, daratumumab è indicato:5

  • in combinazione con lenalidomide e desametasone o con bortezomib, melfalan e prednisone per il trattamento di pazienti adulti con mieloma multiplo di nuova diagnosi che non sono ammissibili per il trapianto di cellule staminali autologhe
  • in combinazione con bortezomib, talidomide e desametasone per il trattamento di pazienti adulti con mieloma multiplo di nuova diagnosi idonei al trapianto di cellule staminali autologhe
  • in combinazione con lenalidomide e desametasone, o bortezomib e desametasone, per il trattamento di pazienti adulti con mieloma multiplo che hanno ricevuto almeno una precedente terapia
  • come monoterapia per il trattamento di pazienti adulti con mieloma multiplo recidivante e refrattario, la cui terapia precedente includeva un inibitore del proteasoma e un agente immunomodulatore e che hanno dimostrato la progressione della malattia nell’ultima terapia

Informazioni sullo Studio COLUMBA (MMY3012)6,7

Questo studio randomizzato, in aperto, multicentrico di fase 3 ha incluso 522 pazienti affetti da mieloma multiplo (MM) già sottoposti almeno a tre linee di terapia precedenti, fra cui un inibitore del proteasoma (PI) e un farmaco immunomodulatore (IMiD), o con malattia refrattaria sia a PI che a IMiD. Nel braccio trattato con la formulazione per somministrazione sottocutanea (SC) di daratumumab (n=263), i pazienti (età media: 65 anni) hanno ricevuto una dose fissa di daratumumab da 1.800 mg co-formulata con ialuronidasi umana ricombinante PH20 (rHuPH20), 2.000 unità per millilitro (U/ml), in via sottocutanea e settimanalmente per i cicli 1 – 2, ogni due settimane per i cicli 3 – 6 e ogni quattro settimane dal ciclo 7 in poi. Nel braccio daratumumab IV (n=259), i pazienti hanno ricevuto daratumumab per infusione nella dose di 16 milligrammi per chilogrammo (mg/kg) settimanalmente per i cicli 1 – 2, ogni due settimane per i cicli 3 – 6 e ogni quattro settimane dal ciclo 7 in poi. Ogni ciclo era di 28 giorni. I pazienti in entrambi i gruppi di trattamento hanno continuato fino alla progressione della malattia o alla tossicità inaccettabile. Gli endpoint co-primari sono stati ORR (tasso di risposta globale, con un valore di non inferiorità = 60% ritenzione del limite inferiore [20,8%] del 95% IC dello studio clinico SIRIUS, con rischio relativo [RR] analizzato in base al test Farrington-Manning) e una pre-dose ciclo 3, giorno 1 (C3D1) di daratumumab Ctrough (non-inferiorità = limite inferiore del 90% IC per il rapporto della media geometrica [GM] ≥80%).

Informazioni sullo studio PLEIADES (MMY2040)8

Lo studio di fase 2 in aperto, non randomizzato, con assegnazione parallela PLEIADES ha incluso 240 adulti con mieloma multiplo di nuova diagnosi o con malattia recidivante o refrattaria. I pazienti con mieloma multiplo di nuova diagnosi sono stati trattati con 1.800 mg della formulazione sottocutanea di daratumumab in associazione con bortezomib, lenalidomide e desametasone (D-VRd) oppure bortezomib, melfalan e prednisone (D-VMP). I pazienti con patologia recidivante o refrattaria sono stati trattati con 1.800 mg della formulazione sottocutanea di daratumumab in associazione con lenalidomide e desametasone (D-Rd). L’endpoint primario per le coorti D-VMP e D-Rd era il tasso di risposta globale (ORR). L’endpoint primario per la coorte D-VRd era una risposta parziale molto buona o migliore. Un’altra coorte di pazienti con mieloma multiplo recidivante e refrattario trattati con daratumumab SC più carfilzomib e desametasone è stata aggiunta allo studio in un secondo tempo.

Informazioni su daratumumab

Daratumumab è un biologico innovativo9 mirato alla CD38, una proteina di superficie con espressione elevata nelle cellule del mieloma multiplo, indipendentemente dalla fase della malattia.10 Si ritiene che daratumumab provochi la morte delle cellule tumorali tramite diversi meccanismi d’azione immunomediati, inclusa la citotossicità complemento-dipendente (CDC), la citotossicità anticorpo-dipendente mediata da cellule (ADCC) e la fagocitosi cellulare anticorpo-dipendente (ADCP), oltre che tramite l’apoptosi, in cui una serie di passaggi molecolari nella cellula ne provoca la morte.5 Daratumumab ha provocato la riduzione di un sottoinsieme di cellule soppressorie di derivazione mieloide (CD38+ MDSC), come le cellule T regolatorie CD38+ (T-reg) e le cellule B CD38+ (B-reg).5 Fin dalla sua introduzione sul mercato, si stima che siano stati 100.000 i pazienti trattati con daratumumab in tutto il mondo.11 Daratumumab viene attualmente valutato nell’ambito di un programma di sviluppo clinico completo in una gamma di scenari terapeutici contro il mieloma multiplo, come il trattamento di prima linea e delle recidive.12,13,14,15,16,17,18,19 Sono in fase di programmazione o di svolgimento studi aggiuntivi per valutarne il potenziale in altri tumori ematologici maligni e pre-maligni con espressione della CD38, come il mieloma indolente, o smouldering.20,21 Per ulteriori informazioni consultare il sito https://www.clinicaltrials.gov/.

Per ulteriori informazioni su daratumumab consultare il Riassunto delle caratteristiche del prodotto al link https://www.ema.europa.eu/en/documents/product-information/darzalex-epar-product-information_en.pdf

Nell’ agosto 2012, Janssen Biotech, Inc. e Genmab A/S hanno sottoscritto un accordo internazionale che ha concesso a Janssen una licenza esclusiva per sviluppare, produrre e commercializzare daratumumab.22

Informazioni sul mieloma multiplo (MM)

Il mieloma multiplo (MM) è un tumore del sangue incurabile che ha origine nel midollo osseo ed è caratterizzato da un’eccessiva proliferazione delle plasmacellule.23 In Europa, nel 2018, sono stati diagnosticati oltre 48.200 casi di MM e sono deceduti più di 30.800 pazienti.24 Quasi il 50% dei pazienti con MM non sopravvive più di 5 anni dopo la diagnosi,25,26 e quasi il 29 percento dei pazienti con mieloma multiplo morirà entro un anno dalla diagnosi.27

Anche se il trattamento può portare alla remissione della malattia, sfortunatamente per i pazienti vi sono alte possibilità di ricaduta perché attualmente non esiste una cura.28 Il mieloma recidivante e refrattario è definito come una malattia che non risponde durante la terapia di salvataggio o progredisce entro 60 giorni dall’ultima terapia nei pazienti che hanno raggiunto una risposta minima (MR) o migliore ad un certo punto prima prima di progredire nel loro decorso della malattia.29 Mentre in alcuni casi il mieloma multiplo è totalmente asintomatico, la maggior parte dei pazienti viene diagnosticata a causa di sintomi quali problemi alle ossa, emocromo basso, ipercalcemia, insufficienza renale o infezioni.30 I pazienti con recidiva dopo il trattamento con le terapie standard, come gli inibitori del proteasoma e gli agenti immunomodulanti, hanno prognosi infausta e poche opzioni di trattamento disponibili.31

Informazioni sulle case farmaceutiche Janssen di Johnson & Johnson

Janssen è impegnata a creare un futuro in cui le malattie siano un ricordo del passato. Siamo le società farmaceutiche di Johnson & Johnson e lavoriamo instancabilmente per trasformare in realtà questo futuro per i pazienti di tutto il mondo, usando la scienza lottiamo contro le malattie, migliorando l’accesso ai trattamenti con l’ingegnosità e curando la mancanza di speranza con tanta passione. Ci concentriamo sulle aree mediche in cui maggiormente possiamo fare la differenza: patologie cardiovascolari e metaboliche, immunologia, malattie infettive e vaccini, neuroscienza, oncologia e ipertensione polmonare.

Per ulteriori informazioni visitare il sito www.janssen.com/emea. Seguire l’azienda su www.twitter.com/janssenEMEA per essere sempre informati sulle notizie più recenti. Janssen-Cilag, Janssen Research & Development, LLC e Janssen Biotech, Inc. fanno parte delle società farmaceutiche Janssen di Johnson & Johnson.

###

Avvertenze sulle dichiarazioni a carattere previsionale

Questo comunicato stampa contiene “dichiarazioni a carattere previsionale” in base alla definizione contenuta nel Private Securities Litigation Reform Act del 1995, relative ai benefici del daratumumab per il trattamento di pazienti affetti da mieloma multiplo. Si avvisano i lettori di non fare affidamento su queste dichiarazioni a carattere previsionale, che si basano sulle aspettative correnti di eventi futuri. Se le ipotesi di fondo dovessero rivelarsi imprecise, o si verificassero incertezze o rischi noti o sconosciuti, i risultati effettivi potrebbero differire sostanzialmente dalle aspettative e previsioni di Janssen Pharmaceutical Companies e/o di Johnson & Johnson. Tali rischi e incertezze includono, ma non a titolo esaustivo: difficoltà e incertezze insite nella ricerca e nello sviluppo del prodotto, compresa l’incertezza del successo clinico e dell’ottenimento delle autorizzazioni normative; l’incertezza del successo commerciale; le difficoltà e i ritardi nella produzione; la concorrenza, inclusi progressi tecnologici, nuovi prodotti e brevetti ottenuti dai concorrenti; le difficoltà relative alla validità dei brevetti; i problemi nell’efficacia o nella sicurezza dei prodotti, con conseguente ritiro degli stessi o con azioni normative; i cambiamenti nei modelli di comportamento e di spesa degli acquirenti dei prodotti e dei servizi di assistenza sanitaria; le modifiche alle leggi e ai regolamenti in materia, comprese le riforme sanitarie mondiali e, infine, le tendenze verso il contenimento dei costi per l’assistenza sanitaria. Un ulteriore elenco con le descrizioni di tali rischi, incertezze e altri fattori è consultabile nella relazione annuale di Johnson & Johnson presentata sul modulo 10-K per l’anno fiscale conclusosi il 29 dicembre 2019, incluso quanto riportato nella sezione “Cautionary Note Regarding Forward-Looking Statements” (Nota cautelare sulle dichiarazioni a carattere previsionale) e nella sezione “Item 1A. Risk Factors” (Voce 1A. Fattori di rischio) e nell’ultima relazione trimestrale depositata sul modulo 10-Q, oltre che nei documenti successivamente depositati dall’azienda presso la Securities and Exchange Commission. Le copie di tali documenti sono disponibili online sui siti www.sec.gov, www.jnj.com oppure possono essere richieste a Johnson & Johnson. Nessuna delle società farmaceutiche Janssen di Johnson & Johnson né Johnson & Johnson si assume l’obbligo di aggiornare qualsiasi dichiarazione a carattere previsionale a seguito di nuove informazioni o eventi oppure sviluppi futuri.

ENHANZE® è un marchio registrato di Halozyme.

# # #

Bibliografia

1 Mateos MV, Nahi H, Legiec W, et al. Efficacy and safety of the randomized, open-label, non-inferiority, phase 3 study of subcutaneous (SC) versus intravenous (IV) daratumumab (DARA) administration in patients (pts) with relapsed or refractory multiple myeloma (RRMM): COLUMBA. J Clin Oncol. 2019;37(Suppl.): abstract 8005.

2 Chari A, San-Miguel J, McCarthy H, et al. Subcutaneous daratumumab plus standard treatment regimens in patients with multiple myeloma across lines of therapy: Pleiades study update. Blood. 2019;134(Suppl.1):abstract 3152.

3 Mateos MV, Nahi H, Legiec W, et al. Efficacy and safety of the randomized, open-label, non-inferiority, phase 3 study of subcutaneous (SC) versus intravenous (IV) daratumumab (DARA) administration in patients (pts) with relapsed or refractory multiple myeloma (RRMM): COLUMBA. Presennati al Meeting of the American Society of Clinical Oncology, Chicago, IL, USA, 31 maggio – 4 giugno 2019.

4 FDA. L’FDA approva daratumumab e hyaluronidase-fihj per il mieloma multiplo. Disponibile all’indirizzo: https://www.fda.gov/drugs/drug-approvals-and-databases/fda-approves-daratumumab-and-hyaluronidase-fihj-multiple-myeloma Ultimo accesso maggio 2020.

5 European Medicines Agency. DARZALEX summary of product characteristics. Disponibile all’indirizzo: https://www.ema.europa.eu/en/documents/product-information/darzalex-epar-product-information_en.pdf Ultimo accesso maggio 2020.

6 Mateos MV, Nahi H, Legiec W, et al. Subcutaneous versus intravenous daratumumab in patients with relapsed or refractory multiple myeloma (COLUMBA): a multicentre, open-label, non-inferiority, randomised, phase 3 trial. The Lancet Haematology. 2020;7(5):E370-E380.

7 ClinicalTrials.gov. A Study of Subcutaneous Versus (vs.) Intravenous Administration of Daratumumab in Participants With Relapsed or Refractory Multiple Myeloma. NCT03277105. Disponibile all’indirizzo: https://clinicaltrials.gov/ct2/show/NCT03277105 Ultimo accesso maggio 2020.

8 ClinicalTrials.gov. A Study to Evaluate Subcutaneous Daratumumab in Combination With Standard Multiple Myeloma Treatment Regimens. NCT03412565. Disponibile all’indirizzo: https://clinicaltrials.gov/ct2/show/NCT03412565 Ultimo accesso maggio 2020.

9 Sanchez L, Wang Y, Siegel DS, Wang ML. Daratumumab: a first-in-class CD38 monoclonal antibody for the treatment of multiple myeloma. J Hematol Oncol. 2016;9:51.

10Fedele G, di Girolamo M, Recine U, et al. CD38 ligation in peripheral blood mononuclear cells of myeloma patients induces release of protumorigenic IL-6 and impaired secretion of IFNgamma cytokines and proliferation. Mediat Inflamm. 2013;2013:564687.

11 [Dati in archivio]. DARZALEX: New Patient Starts Launch to Date. RF-124148

12 ClinicalTrials.gov. A study to evaluate daratumumab in transplant eligible participants with previously untreated multiple myeloma (Cassiopeia). NCT02541383. Disponibile all’indirizzo: https://clinicaltrials.gov/ct2/show/NCT02541383 Ultimo accesso maggio 2020

13ClinicalTrials.gov. A study comparing daratumumab, lenalidomide, and dexamethasone with lenalidomide and dexamethasone in relapsed or refractory multiple myeloma. NCT02076009. Disponibile all’indirizzo: https://clinicaltrials.gov/ct2/show/NCT02076009 Ultimo accesso maggio 2020.

14 ClinicalTrials.gov. Addition of daratumumab to combination of bortezomib and dexamethasone in participants with relapsed or refractory multiple myeloma. NCT02136134. Disponibile all’indirizzo: https://clinicaltrials.gov/ct2/show/NCT02136134 Ultimo accesso maggio 2020.

15 ClinicalTrials.gov. A study of combination of daratumumab and Velcade (bortezomib) melphalan-prednisone (DVMP) compared to Velcade melphalan-prednisone (VMP) in participants with previously untreated multiple myeloma. NCT02195479. Disponibile all’indirizzo: https://clinicaltrials.gov/ct2/show/NCT02195479 Ultimo accesso maggio 2020.

16ClinicalTrials.gov. Study comparing daratumumab, lenalidomide, and dexamethasone with lenalidomide and dexamethasone in participants with previously untreated multiple myeloma. NCT02252172. Disponibile all’indirizzo: https://clinicaltrials.gov/ct2/show/NCT02252172 Ultimo accesso 2020.

17 ClinicalTrials.gov. A study of Velcade (bortezomib) melphalan-prednisone (VMP) compared to daratumumab in combination with VMP (D-VMP), in participants with previously untreated multiple myeloma who are ineligible for high-dose therapy (Asia Pacific region). NCT03217812. Disponibile all’indirizzo: https://clinicaltrials.gov/ct2/show/NCT03217812 Ultimo accesso 2020.

18ClinicalTrials.gov. Comparison of pomalidomide and dexamethasone with or without daratumumab in subjects with relapsed or refractory multiple myeloma previously treated with lenalidomide and a proteasome inhibitor daratumumab/pomalidomide/dexamethasone vs pomalidomide/dexamethasone (EMN14). NCT03180736. Disponibile all’indirizzo: https://clinicaltrials.gov/ct2/show/NCT03180736 Ultimo accesso maggio 2020.

19ClinicalTrials.gov. Study of carfilzomib, daratumumab and dexamethasone for patients with relapsed and/or refractory multiple myeloma (CANDOR). NCT03158688. Disponibile all’indirizzo: https://clinicaltrials.gov/ct2/show/NCT03158688 Ultimo accesso maggio 2020.

20 ClinicalTrials.gov. A study to evaluate 3 dose schedules of daratumumab in participants with smoldering multiple myeloma. NCT02316106. Disponibile all’indirizzo: https://clinicaltrials.gov/ct2/show/NCT02316106 Ultimo accesso maggio 2020.

21ClinicalTrials.gov. An efficacy and safety proof of concept study of daratumumab in relapsed/refractory mantle cell lymphoma, diffuse large B-cell lymphoma, and follicular lymphoma. NCT02413489. Disponibile all’indirizzo: https://clinicaltrials.gov/ct2/show/NCT02413489 Ultimo accesso maggio 2020.

22 Johnson & Johnson. Janssen Biotech announces global license and development agreement for investigational anti-cancer agent daratumumab. Comunicato stampa 30 agosto 2012. Disponibile all’indirizzo: https://www.jnj.com/media-center/press-releases/janssen-biotech-announces-global-license-and-development-agreement-for-investigational-anti-cancer-agent-daratumumab Ultimo accesso maggio 2020.

23 American Society of Clinical Oncology. Multiple myeloma: introduction. Disponibile all’indirizzo: https://www.cancer.net/cancer-types/multiple-myeloma/introduction Ultimo accesso maggio 2020.

24 GLOBOCAN 2018. Cancer Today Population Factsheets: Europe Region. Disponibile all’indirizzo: https://gco.iarc.fr/today/data/factsheets/populations/908-europe-fact-sheets.pdf Ultimo accesso maggio 2020.

25 American Society of Clinical Oncology. Multiple Myeloma: Statistics. Disponibile all’indirizzo: https://www.cancer.net/cancer-types/multiple-myeloma/statistics Ultimo accesso maggio 2020.

26 Cancer Research UK. Myeloma statistics. Disponibile all’indirizzo: https://www.cancerresearchuk.org/health-professional/cancer-statistics/statistics-by-cancer-type/myeloma Ultimo accesso maggio 2020.

27 Costa LJ, Gonsalves WI, Kumar SK. Early mortality in multiple myeloma. Leukemia. 2015;29:16168.

28 Abdi J, Chen G, Chang H, et al. Drug resistance in multiple myeloma: latest findings and new concepts on molecular mechanisms. Oncotarget. 2013;4:2186–207.

29 Rajkumar SV, Harousseau JL, Durie B, Anderson KC, Dimopoulos M, Kyle R, Blade J, Richardson P, Orlowski R, Siegel D, Jagannath S. Consensus recommendations for the uniform reporting of clinical trials: report of the International Myeloma Workshop Consensus Panel 1. Blood, The Journal of the American Society of Hematology. 2011 May 5;117(18):4691-5

30 3 American Cancer Society. Multiple myeloma: early detection, diagnosis and staging. Disponibile all’indirizzo: https://www.cancer.org/content/dam/CRC/PDF/Public/8740.00.pdf. Ultimo accesso maggio 2020.

31 Kumar SK, Lee JH, Lahuerta JJ, et al. Risk of progression and survival in multiple myeloma relapsing after therapy with IMiDs and bortezomib: a multicenter international myeloma working group study. Leukemia. 2012;26:149-57.

maggio 2020

CP-157998

Il testo originale del presente annuncio, redatto nella lingua di partenza, è la versione ufficiale che fa fede. Le traduzioni sono offerte unicamente per comodità del lettore e devono rinviare al testo in lingua originale, che è l’unico giuridicamente valido.

Source

About the Author: Biotech Today

You might like